Corso di Laurea Magistrale EPPAC

DIDATTICA IN ARCHIVIO - NON PIU' EROGATA 

Perchè EPPAC

Il Corso di Laurea Magistrale EPPAC offre l'opportunità di studiare ad Alessandria, tranquilla e piacevole città circondata dalle colline, fra Langhe e Monferrato, fornendo una risposta concreta all'esigenza di formare figure professionali altamente qualificate in grado di applicare competenze economiche a fenomeni complessi che riguardano contemporaneamente mercati, territorio e società.

L'orientamento internazionale del corso si manifesta attraverso la possiblità di soggiornare per almeno un semestre presso le Università di Rennes 1 (Francia), di Tampere (Finlandia) o di Friburgo (Svizzera), frequentando alcuni corsi offerti da queste Università e sostenendo lì gli esami.

EPPAC è l'unico Corso di Laurea Magistrale delle classi LM-56 e LM-76 attivato presso l'Università del Piemonte orientale e si rivolge a laureati che ritengono di avere una buona preparazione di base nelle materie economiche e nei metodi delle scienze sociali e che si sentano fortemente motivati all'acquisizione di strumenti analitici rigorosi per affrontare e risolvere i problemi e le sfide della società del futuro.

Chi siamo 

A partire dal 1999 il Istituto di Politiche Pubbliche e Scelte Collettive - POLIS ha accolto una quindicina di giovani economisti decisi a formare un gruppo di ricerca piccolo ma agguerrito, dinamico e flessibile, con l'obbiettivo di competere con gli istituti 'storici' di Economia degli atenei circostanti (Torino, Milano, Genova e Pavia). 

L'atmosfera è costantemente arricchita dalla presenza di visiting professors stranieri e dal frequente svolgimento di seminari di ricerca e di workshops, offrendo stimoli continui a porsi domande e a cercare risposte.

L'Istituto POLIS si trova nel top 10% nella classifica RePEc sugli istituti di ricerca economica in Italia e dell'analoga classifica a livello europeo.

Di che cosa ci occupiamo

Gli economisti di POLIS svolgono attività di ricerca nei seguenti campi:

  • analisi economica delle politiche pubbliche;
  • analisi e valutazione di politiche di settore (con particolare riferimento ad ambiente, sanità, istruzione, lavoro, tassazione, assistenza, famiglia, cultura, territorio);
  • studio dell'economia locale;
  • analisi empirica delle preferenze e degli orientamenti sociali;
  • metodi quantitativi per la ricerca economica e sociale e tecniche di analisi e di valutazione;
  • studio sperimentale del comportamento;
  • teoria dei giochi e analisi del conflitto;
  • teoria delle scelte, individuali e collettive;
  • analisi dei sistemi elettorali;
  • economia della conoscenza, dell'innovazione e dello sviluppo;
  • governance, regolamentazione e responsabilità sociale delle imprese.

Prospettive professionali e opportunità di carriera

I due percorsi preparano alle professioni connesse allo studio dei sistemi economici e alla gestione delle realtà che a vario titolo operano nei mercati. In particolare il corso di laurea in Scienze dell'Economia (LM-56) è preliminare alle professioni di commercialista, di revisore dei conti e di consulente o ai ruoli interni alle istituzioni economiche e finanziarie - come banche, società di assicurazione, SIM, società di consulenza, ecc. - e istituzioni politiche, quali gli organismi di regolazione, controllo e valutazione - come BCE, Banca d'Italia, CONSOB, Authority antitrust o per l'energia o per le telecomunicazioni, ecc. - aprendo inoltre la strada a una carriera di tipo internazionale verso le organizzazioni internazionali - come WTO, ONU, Unesco, FAO, WIPO, Banca Mondiale, FMI, ecc.

La laurea in Scienze Economiche per l'Ambiente e la Cultura (LM-76) rappresenta un percorso specificatamente diretto a chi aspira ad operare nei mercati culturali e nella gestione dei beni culturali e ambientali con una sensibilità arricchita sia dal profilo umanistico sia economico-gestionale e a operare nel campo del cultural planning.

Per chi volesse invece approfondire ulteriormente le proprie conoscenze o aspirasse a dedicarsi all'attività di ricerca, la padronanza degli strumenti acquisita durante il corso EPPAC permette un facile inserimento nei corsi di Dottorato di Ricerca attivati presso i più prestigiosi atenei italiani e stranieri.

Cosa si studia

Il corso propone due percorsi:

  • CLASSE LM-56: SCIENZE DELL'ECONOMIA
  • CLASSE LM-76: SCIENZE ECONOMICHE PER L'AMBIENTE E LA CULTURA

CLASSE LM-56: SCIENZE DELL'ECONOMIA
Oltre a equipaggiare lo studente con una solida preparazione economica e quantitativa indispensabile nelle attività professionali e nei ruoli che richiedono l'analisi delle dinamiche economiche, della regolamentazione e delle politiche pubbliche, questo percorso fornisce adeguati strumenti per la comprensione dei mercati e delle strategie competitive e la gestione e la governance delle imprese e delle organizzazioni, con particolare attenzione al legame esistente tra istituzioni, quadro normativo e contesto economico.

CLASSE LM-76: SCIENZE ECONOMICHE PER L'AMBIENTE E LA CULTURA
Coniuga la formazione economica con quella storica, artistica, storico-ambientale e territoriale, al fine di fornire gli strumenti per l'identificazione, lo studio e la gestione del patrimonio culturale e ambientale e per la progettazione culturale. Si avvale delle competenze storico territoriali del CAST.

Cosa si ottiene

Oltre a una Laurea Magistrale nella classi di Scienze dell'Economia (LM-56) o di Scienze Economiche per l'Ambiente e la Cultura (LM-76) gli iscritti a entrambi i percorsi possono nel secondo anno di studi seguire i corsi per un semestre o per tutto l'anno presso l'Università di Rennes 1 (Francia).

Seguendo questo percorso, alla fine si conseguirà una doppia laurea: la Laurea Magistrale in Economia e Politiche Pubbliche, Ambiente e Cultura in Italia e il Master 2 Economie Publique et Finance Publique (EPFP) in Francia.

In alternativa è possibile frequentare i corsi di un semestre presso l'Università di Tampere (Finlandia) o di Friburgo (Svizzera), ottenendo la seconda laurea nell'ambito dell'European Master in Public Economics and Public Finance (MGE).  

Lo studente che opta per il soggiorno all'estero può beneficiare di un contributo finanziario.

Domande frequenti

Possono venirmi riconosciuti alcuni esami sostenuti in un corso di laurea quadriennale (vecchio ordinamento) o in un master universitario?
Sì, almeno per quanto riguarda materie pertinenti al percorso di studi scelto e a discrezione del coordinatore del percorso medesimo e del presidente del Corso di Laurea.

Posso redigere un piano di studi individuale?
Solo in casi del tutto eccezionali, concordando il suddetto piano con il coordinatore del percorso di studi scelto e con il relatore di tesi.

I percorsi di studio previsti dal Corso di Laurea magistrale EPPAC danno accesso agli esami di stato per Dottore Commercialista?
La classe di laurea LM-56 sì, poiché è equivalente alla precedente 64/S, che prevedeva l'accesso all'esame di stato per Dottore Comercialista; viceversa, la Classe LM-76, non dà accesso al suddetto esame di stato.

A quali Dottorati di Ricerca apre le porte Il titolo di Dottore Magistrale in Economia, Politiche Pubbliche, Ambiente e Cultura?
Una volta conseguito il titolo è possibile fare domanda ai più prestigiosi Dottorati di Ricerca italiani e stranieri; in particolare, la classe LM-56, fornendo buone basi di metodi quantitativi e di teoria microeconomica e macroeconomica, aprono la strada a tutti i dottorati di Ricerca in Scienze Economiche. Ovviamente laurerasi con un buon punteggio potrebbe fare la differenza. Non nuoce ricordare che il coordinatore della classe LM-56, prof. Giovanni Ramello, è anche coordinatore di IEL- PhD programme on Institutions, Economics and Law, presso il Collegio Carlo Alberto (Moncalieri, TO).