Giurisprudenza

Il corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza è ad accesso libero.
Ha una durata di 5 anni e per ottenere la laurea devi conseguire 300 CFU.

La sede del corso di studio è ad Alessandria, in via Cavour 84. Il corso è attivato anche presso il polo formativo di Novara, in Via Perrone 18.

Il Presidente del corso di studio è il Prof. Roberto Mazzola.

Docente referente per le valutazioni polo di Alessandria: Prof. Pierfrancesco Arces

Docente referente per le valutazioni polo di Novara: Prof.ssa Maria Antonietta Ligios

Rappresentanti degli studenti: visita la pagina.

Iscrizione al corso: tutte le informazioni sono disponibili alla pagina Iscriversi.

Presentazione: il Corso di laurea magistrale quinquennale a ciclo unico in Giurisprudenza è articolato in 28 esami in parte obbligatori e in parte opzionali.

L’offerta didattica si articola attraverso due differenti strumenti didattici tra loro integrati: corsi (C) e seminari (S).
I corsi (C) offrono la formazione base per la conoscenza degli istituti fondamentali dei sistemi giuridici italiano, europeo ed internazionale.

I seminari (S) approfondiscono le tematiche giuridiche di maggiore interesse e attualità in conformità al principio di aggiornamento critico attraverso una didattica incentrata sul modello del laboratorio giuridico. Dunque: conoscenza solida di base + conoscenza critica e aggiornata.

Tutti gli immatricolati al corso saranno tenuti a sottoporsi obbligatoriamente ad un test valutativo al fine di verificare le capacità logiche interpretative. Qualora il test non venisse superato lo studente sarà  obbligato a seguire un corso di recupero per acquisire i c.d. Obblighi Formativi Aggiuntivi (OFA). Tali corsi (30 ore), coordinati da un docente per ciascuna sede del corso,  avranno lo scopo di colmare le lacune emerse nel test iniziale. Durante lo svolgimento di tale corso lo studente sarà assistito da un tutor (studente del 4 o 5 anno) e dovrà svolgere dei test di verifica intermedi. Se al termine del percorso il deficit sarà stato colmato, verranno riconosciuti specifici CFU e lo studente potrà proseguire regolarmente il suo percorso di studi; se non dovesse superarlo sarà obbligato a ripetere il test di verifica. Il non superamento del test iniziale non preclude lo svolgimento degli esami del primo anno. Al contrario, preclude l’accesso agli esami dal secondo anno in poi. Tale blocco perdurerà finché il test non sarà superato.
Il test si svolgerà in date e con modalità che verranno successivamente pubblicate sul sito del dipartimento, alla pagina >Matricole.

Il Corso di laurea magistrale a ciclo unico (cinque anni) prevede una stretta sinergia con il mondo del lavoro: operatori del diritto, imprenditoria, istituzioni pubbliche sia sul piano didattico sia su quello dei tirocini. 

Per realizzare ciò il Corso si avvale di due principali piattaforme operative

  1. la Scuola di Formazione Forense ‘Giorgio Ambrosoli’ che fornisce un percorso di educazione ante e post lauream all’avvocatura, in collaborazione con gli ordini professionali di: Alessandria, Novara, Vercelli, Verbania e Asti. Lo scopo: formare gli studenti di giurisprudenza fin dal primo anno alla pratica delle professioni legali;
  2. gli stage e i tirocini presso enti pubblici o privati per un effettivo inserimento nel mondo del lavoro, già durante lo svolgimento del corso di laurea.

Il Corso di Laurea Magistrale in Giurisprudenza ricerca un costante equilibrio fra trasmissione del sapere giuridico e applicazione pratica del diritto. Nel fare ciò si avvale anche del lavoro dei tutor che seguono lo studente fin dal primo anno durante il suo percorso formativo. Inoltre da anni sta investendo sulla internazionalizzazione al fine di offrire una visione di ampio respiro del fenomeno giuridico.

Tali obiettivi si realizzano e si conseguono attraverso una serie di azioni:

  • seminari di scrittura e retorica giuridica;
  • sviluppo delle ‘competenze trasversali' (capacità espositiva; controllo dell’emotività; capacità di affrontare colloqui di lavoro; scrittura di CV);
  • seminario di Tecniche delle Comunicazione;
  • simulazioni processuali interne ai singoli corsi quale parte integrante della didattica;
  • corso di alto perfezionamento interdisciplinare sul pensiero giuridico/politico organizzato dalla Cattedra “Galante Garrone”;
  • cliniche legali presso l’International University College of Turin (IUC);
  • Soggiorni prolungati all’estero con il Progetto Erasmus;
  • Soggiorni brevi all’estero attraverso i  Free Mover;
  • Partecipazione ad agoni internazionali;
  • Moot Court internazionali (Simulazioni processuali).

 

Obiettivi formativi: Il corso ha lo scopo di fornire metodologie e competenze scientifico-linguistiche per il conseguimento di un approfondito livello di conoscenza del sapere giuridico nelle sue diverse articolazioni: nazionali e internazionali, supportato da capacità logico-argomentative e di ricostruzione critica, di carattere sia induttivo che deduttivo, sfruttando le competenze scientifiche interdisciplinari (sociologiche, storiche ed economiche) proprie del Dipartimento.

Le possibilità di inserimento nel mondo del lavoro per i laureati in Giurisprudenza sono particolarmente ampie: professioni legali (magistrato, avvocato e notaio); carriera presso le istituzioni internazionali; carriera nelle pubbliche amministrazioni; lavoro presso banche, imprese di assicurazione ed intermediari finanziari, nonché i ruoli amministrativi in aziende medio-grandi (ufficio legale, gestione del personale, ecc.); consulente del lavoro e delle relazioni industriali;  insegnamento nella scuola secondaria superiore; terzo settore: associazionismo, enti no profit, associazioni culturali e di categoria, tutela ambientale, certificazione dei prodotti, tutela dei consumatori, reinserimento dei soggetti svantaggiati, ecc..

Sotto questo profilo il Corso di laurea è stato valutato per l’a.a. 2019/2020 il primo in Italia dal CENSIS.

Un’opportunità unica in Italia viene poi offerta allo studente di Giurisprudenza del Piemonte Orientale: la possibilità di accedere al corso EMI-LEI, infatti, il percorso LEI (Law, Economic and Institutions) della laurea magistrale EMI (Laurea di economia) è stato progettato in modo tale da dare una speciale opportunità culturale e professionale agli studenti della laurea quinquennale in giurisprudenza (LMG) del dipartimento DIGPSES.

Gli studenti della LMG del DIGSPES scegliendo specifici esami in lingua inglese nel proprio ordinamento (identificabili con “oppure”) maturano crediti spendibili in EMI-LEI.

Ottenuto il diploma di laurea in Giurisprudenza, per gli studenti del DIGSPES sarà possibile ottenere anche la laurea magistrale EMI-LEI completando il percorso in un solo ulteriore anno di studio presso LEI.

Dunque la possibilità di avere una doppia laurea in Giurisprudenza e Economia.

Piano di studio: è l’insieme degli esami che devi sostenere ogni anno. Nella pagina Didattica puoi scaricare i piani di studio.

Rapporto della Commissione didattica per l'innovazione dell'offerta formativa

Richiesta di valutazione informale preventiva della carriera pregressa