Politica e Cultura Europee e Comparate - PCEC

DIDATTICA IN ARCHIVIO - NON PIU' EROGATA 

Anni Accademici 2010/2012

PCEC è un Corso di Laurea Magistrale classe LM-90 (Studi Europei) attivato presso l'Università del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro".
Si rivolge alle laureate e ai laureati che ritengono di avere buone conoscenze di base nelle materie politologiche, storiche e giuridico-politiche e sono interessati ad acquisire strumenti analitici rigorosi per la comprensione della politica contemporanea e per affrontare e risolvere le sfide poste dalle sue più recenti trasformazioni, con particolare riferimento alla costruzione dell'Unione Europea e ai suoi effetti nei contesti nazionali e nell'arena internazionale.

Il rapporto con i docenti è diretto e informale, lo studio delle diverse materie viene approfondito in attività seminariali cui partecipano studiosi di fama internazionale, le studentesse e gli studenti sono direttamente coinvolti nelle attività didattiche e di ricerca grazie a laboratori, tutorati e borse di studio che consentono la partecipazione diretta alle attività di ricerca.

Le nostre laureate e i nostri laureati hanno trovato impieghi adeguati alle loro capacità e alla loro formazione nella pubblica amministrazione e in imprese private, hanno ottenuto borse di studio per partecipare a stage internazionali o sono stati ammessi a prestigiosi dottorati nazionali.

La durata del Corso di Laurea è di due anni, ma è anche possibile scegliere un percorso formativo a tempo parziale della durata di tre o di quattro anni.

Sono previste attività di tutoraggio e di esercitazione tenute da studenti, dottorandi o docenti. Parte del materiale dei corsi è reperibile sul sito web della Facoltà e i docenti sono disponibili a comunicare regolarmente con gli studenti anche via e-mail. I corsi si concludono con un esame, orale e/o scritto, con votazione in trentesimi. La prova finale consiste in una tesi di laurea, del valore di 21 crediti, i cui contenuti e le cui modalità devono essere concordati con un docente del Corso di Laurea.

Condizioni di accesso: per l'ammissione al Corso di Laurea in Politica e Cultura Europee e Comparate occorre:

  • aver conseguito un diploma di laurea di primo livello (triennale o quadriennale) nelle classi indicate dal Regolamento didattico
  • sostenere un colloquio con la Commissione Didattica del Corso di studi che valuta il piano di studi della laurea triennale (o quadriennale), le votazioni conseguite e la preparazione generale.

A seguito del colloquio la Commissione didattica può ammettere direttamente lo studente al Corso di Laurea, oppure può indicare le materie e le conoscenze che devono essere acquisite prima dell'iscrizione, con modalità stabilite caso per caso.

Che cosa si ottiene

PER CHI SI E' IMMATRICOLATO NEL 2011: al termine del percorso formativo si consegue una Laurea Magistrale nella Classe STUDI EUROPEI (LM-90).

PER CHI SI E' IMMATRICOLATO FINO AL 2010: indipendentemente dal curriculum prescelto, è possibile conseguire una laurea magistrale nelle classi di:

  • SCIENZE DELLA POLITICA (LM-62) oppure
  • STUDI EUROPEI (LM-90)

In questo modo le studentesse e gli studenti potranno scegliere gli obiettivi formativi e le attività formative maggiormente coerenti con i propri interessi e le proprie prospettive occupazionali.

Didattica

Il Corso di Laurea Magistrale Interclasse in Politica e Cultura Europee e Comparate intende fornire una preparazione adeguata all'analisi comparativa e alla valutazione di situazioni di conflitto in cui debbano essere attivate politiche pubbliche di intervento che coinvolgono le diverse sfere dei diritti di cittadinanza e i nuovi diritti legati all'ambiente e al territorio, da un lato, alla vita, alla salute e alle sue definizioni, dall'altro.

Il percorso formativo di questo Corso di Laurea Magistrale si basa su un ampio numero di insegnamenti nelle aree disciplinari storica, politico-sociale, giuridica e economico-statistica, e intende fornire una preparazione adeguata, nonché approfondite conoscenze sulla struttura e sul funzionamento dell'Unione Europea, sui processi di formazione e sui contenuti delle politiche europee.

L'elenco degli insegnamenti dipende dall'anno in cui lo studente si è immatricolato. Scarica tutti i dettagli fra gli allegati in fondo alla pagina.

Sbocchi lavorativi

Il corso prepara, tra le altre, alle professioni di:

  • funzionari, anche in posizioni organizzative e dirigenziali, presso amministrazioni e istituzioni pubbliche, organizzazioni non governative, enti territoriali e funzionali, nonché presso gli uffici dell'Unione Europea
  • consulenti in affari europei
  • formatori del servizio civile europeo
  • giornalisti in politiche europee
  • esperti di pubbliche relazioni europee
  • operatori, anche in posizioni di elevata responsabilità, nell eimprese private
  • nuove figure di lavoro autonomo nel settore del giornalismo, dei servizi di consulenza, investigazione e ricerca politica e culturale
  • figure di supporto, accompagnamento e consulenza nella progettazione di politiche territoriali
  • figure di connessione nei rapporti tra enti locali, territorio e terzo settore

Convegni di studi 

JOHAN GALTUNG: 80 ANNI DI RICERCA, EDUCAZIONE E AZIONE PER LA PACE. Come costruire società e istituzioni nonviolente

Venerdì 8 ottobre 2010, Fondazione Einaudi - Palazzo d'Azeglio - via Principe Amedeo, 34 - Torino

In collaborazione con il CISP (Centro Interateneo di Studi per la Pace), il Centro Studi Sereno Regis, in occasione degli 80 anni di Johan Galtung, organizza un convegno di studi che intende affrontare il cruciale passaggio dalla formulazione di una "ecologia e spiritualità della nonviolenza", (di cui si sarà parlato in occasione della ricorrenza del 2 ottobre), alla sua implementazione nella costruzione di società e istituzioni nonviolente.
La transizione verso società eque, sostenibili e nonviolente è oggi al centro di molteplici studi, ricerche e iniziative in varie parti del mondo e si avverte con crescente senso di responsabilità l'urgenza di avviare processi di cambiamento su scala globale volti a portare a soluzione i grandi problemi che l'umanità del XXI secolo deve fronteggiare: dalle minacce ambientali e del cambiamento climatico globale, alle crisi delle relazioni internazionali, all'irrisolto problema della miseria estrema e della fame nel mondo, all'instabilità economica che contribuisce ad accrescere le difficoltà incontrate dai settori più deboli ed esposti della società, all'emergere di tendenze xenofobe, di intolleranza e di neonazismo.
Il convegno si propone inoltre di stimolare la cittadinanza in generale, studenti e docenti in particolare, nonché amministratori e politici ad acquisire maggiore consapevolezza su questi temi cruciali e sulle possibili soluzioni che una cultura della nonviolenza è in grado di offrire. Scarica il Programma.

WORLD POVERTY AND HUMAN RIGHTS - THOMAS W.M. POGGE

Nell'ambito del corso di Linguaggi politici, in collaborazione con Il Centro Interateneo di Studi per la Pace e il Dottorato in Scienze Storiche, il prof. Thomas Pogge ha presentato il suo volume: "World Poverty and Human Rights - Cosmopolitan Responsibilities and Reforms" (second edition, Cambridge, Polity Press, 2008), in occasione della traduzione italiana: "Povertà mondiale e diritti umani - Responsabilità e riforme cosmopolitiche" (a cura di L. Caranti, traduzione di D. Botti, Roma-Bari, Laterza, 2010).

Sono intervenuti:

  • T. W. M. Pogge, Yale University (autore)
  • A. E. Galeotti, Università del Piemonte Orientale
  • L. Caranti, Università di Catania (curatore)
  • D. Botti, Università del Piemonte Orientale (traduttore)

Il testo della presentazione di T. W. M. Pogge è disponibile.

LAUREA HONORIS CAUSA IN STUDI EUROPEI A BARBARA SPINELLI

Il 21 ottobre 2008, l'Università del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro" ha consegnato la Laurea Magistrale Honoris Causa in Studi Europei a Barbara Spinelli, giornalista.
In questa occasione, Barbara Spinelli ha tenuto una lezione magistrale sul tema "Lo splendore delle verità". Scarica il testo della lezione magistrale.